head-01head-03head-02head-04

Scegliere i pannolini lavabili


nati-per-non-inquinare

I pannolini lavabili sono pratici nell’uso, consentono una maggiore traspirazione della pelle dei bambini, gli arrossamenti sono meno frequenti e non necessitano dell’uso di creme barriera.

Con il loro utilizzo è possibile evitare l’immissione in ambiente di circa 1 tonnellata di rifiuti indifferenziati a bambino e permettono un risparmio fino a 1.500,00 euro per il primo figlio, e ancora maggiore per i successivi.

Utilizzando la lavatrice in maniera consapevole (max 60°, poco detersivo ecologico e sbiancanti all’ossigeno attivo senza agenti inquinanti), il consumo di energia elettrica ed acqua per il loro lavaggio è inferiore a quello della produzione industriale dei pannolini “usa e getta”.

La Regione Friuli Venezia Giulia è una delle più importanti in Italia per l’erogazione di incentivi sui pannolini lavabili.

Alcuni Comuni incentivano l’acquisto rimborsando la spesa, altri offrono in omaggio alle famiglie interessate un kit di prova.

Ci sono esempi di Comuni che erogano in autonomia i contributi (tra gli altri: Porcia, Spilimbergo) e esempi di Comuni che si sono riuniti in Progetti di incentivo (ad esempio il Progetto Pannolini Lavabili, Coordinato da Pasian di Prato che ne accorpa 10 e il Progetto della Conca Tolmezzina).

Molto si sta facendo, ma le famiglie utilizzatrici non sono ancora un numero significativo e sono poco diffusi anche all’interno dei nidi d’infanzia.

Lascia un commento