head-01head-03head-02head-04

Settimana dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile, grazie a tutti


20171019_122340

Si è conclusa la 12° edizione della Settimana dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile, che si è tenuta in Friuli Venezia Giulia dal 16 al 22 ottobre 2017, dal tema Viaggiatori: territori e cittadinanza globale.

Il Laboratorio Regionale di Educazione Ambientale (LaREA) di ARPA FVG, desidera ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione di questa manifestazione, proponendo a un pubblico vasto e curioso, interessato e attento ai temi della sostenibilità, oltre 40 eventi, nel corso dei quali è avvenuto un interessante confronto su idee e valori, evidenziando azioni ed esperienze territoriali di grande rilievo.

La Settimana, che ha toccato diverse aree regionali, ha offerto differenti chiavi di riflessione e di lettura dei processi territoriali orientati a uno sviluppo sostenibile, attraverso film, documentari, libri, iniziative di sensibilizzazione su alcune problematiche ambientali, sociali ed economiche, drammaticamente attuali.

Come sempre, abbiamo ricevuto una risposta entusiastica e fattiva del mondo della scuola, che si dimostra, ancora una volta, agenzia educativa di grande valore e impegno, sia del corpo docente che degli allievi, costituendo un presidio pubblico indispensabile per affermare la cultura della sostenibilità, capace di avanzare proposte di trasformazione degli stili di vita e della visione di un mondo che necessita di significativi cambiamenti.

Il LaREA, ritiene, attraverso l’impegno comune di  tutti i partecipanti alla Settimana, di poter affermare: «abbiamo tracciato la strada verso lo sviluppo sostenibile; servirà ad assicurarci che il viaggio avrà successo e i suoi risultati saranno irreversibili» (Trasformare il nostro mondo: l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, risoluzione ONU, 25 settembre 2015).

Appuntamento, dunque, al 2018, con rinnovata fiducia e speranza, per garantire con le nostre azioni un futuro sostenibile, sia alle attuali generazioni che a quelle che verranno.

Lascia un commento