head-01head-03head-02head-04

Premiazioni del concorso Virtualmente, Udine 19 maggio 2016

50 sono state le classi che hanno partecipato al concorso Virtualmente, che si è concluso con le premiazioni il 19 maggio 2016 a Udine all’Auditorium della Regione Friuli Venezia Giulia.

Sono stati premiati  i progetti delle prime tre scuole (secondarie di primo e di secondo grado) che hanno rielaborato in modo ingegnoso e creativo le tematiche proposte attraverso il concorso, ovvero il ciclo di vita delle strumentazioni elettroniche (dagli smartphone ai tablet, passando per i computer e altre strumentazioni).

Ecco i vincitori:

CATEGORIA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

1° POSTO: Liceo Scientifico G. Marinelli di Udine, classe 2A
Motivazione: Per  l’accuratezza e la completezza del lavoro con una  menzione speciale per le musiche.

2°POSTO: ISIS Il Tagliamento di Spilimbergo, classe 2BM
Motivazione: Per l’originalità del format e l’interpretazione degli attori

3°POSTO: ISIS Galilei di Gorizia, classe 2AEE
Motivazione: Per l’articolazione del progetto e il coinvolgimento del territorio

 

CATEGORIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

1° POSTO: Scuola  Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo”, classe 3B
Motivazione: Per la capacità manuale, la fantasia e la qualità delle domande scritte per il gioco

2°POSTO: Scuola  Secondaria di Primo Grado Valussi di Udine, classe 3E
Motivazione: Per l’originalità del soggetto e la qualità del montaggio video

3° POSTO: Scuola  Secondaria di Primo Grado D. Alighieri di Pieris, classe 1A
Motivazione: Per il progetto di peer education all’interno della scuola

3° POSTO, a pari merito: Scuola  Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo, classe 3A
Motivazione: Per la scrittura del soggetto e l’interpretazione degli attori

 

Gli ospiti d’eccezione della mattinata sono stati John Mpaliza, attivista di origini congolesi da anni impegnato nel far conoscere l’impatto sociale e ambientale sulla popolazione congolese causato dell’estrazione di minerali preziosi, e il fotografo Stefano Stranges, che ha raccontato il suo viaggio in Congo che ha portato alla realizzazione del suo ultimo reportage sulle miniere di coltan “Vittime della nostra ricchezza“.

I due ospiti hanno raccontato la drammatica situazione che si vive in Congo, paese dal quale proviene la maggior parte del coltan usato per produrre apparecchi elettronici (telefoni, tablet…): violazione sistematica dei diritti umani, sfruttamento incontrollato dell’ambiente, povertà…

L’importante testimonianza di Mpaliza e di Stranges è stata molto apprezzata dai ragazzi che hanno avuto l’occasione di conoscere dei veri esempi di coraggio e di impegno civile.